Tra le varie iniziative volte all’internazionalizzazione dell’esperienza Rotaractiana, il CWMUN New York, acronimo di “Change the world Model United Nation”, è senza dubbio tra le più complete e performanti.

Il percorso Model UN New York è il più prestigioso tra tutti gli eventi legati al CWMUN World Program: vi prendono parte più di 3000 studenti provenienti da oltre 140 paesi differenti e tutti lavorano in qualità di ambasciatori rappresentando gli Stati membri delle Nazioni Unite.

L’intervento di ospiti internazionali di primissimo piano della politica e della diplomazia mondiale, fanno del CWMUN di NYC il più prestigioso forum internazionale dove i giovani possono affermare le proprie idee nel costante rispetto delle posizioni e convinzioni altrui. Change the World infatti vuole affermare un modello di sviluppo sostenibile del pianeta fondato sui valori della democrazia e della tolleranza.

Il corso ha la durata di una settimana e si snoda attraverso due sedute plenarie, una di apertura e una di chiusura, durante le quali verranno simulati interventi e dibattiti su aree tematiche sempre diverse e di affezione globale.

Come associazione Rotaract, abbiamo la grande opportunità di accedere in appoggio all’associazione Diplomatici, attraverso due differenti esperienze, quella di Delegate e quella di Guest.

Essere delegati fornisce un approccio sicuramente più formale e unitario al Progetto, nonché più legato alle attività di simulazione e per il quale ruolo risulta necessario sviluppare preventive “skills”, attraverso seminari formativi prima della partenza, utili ad affrontare le tematiche scelte al

meglio delle proprie capacità. E’ ideale per chiunque volesse vivere a pieno l’esperienza delle Nazioni Unite.

Il Guest invece, risulta diversificato nell’approccio alla città come pure ai lavori all’ ONU, questo perché si avrà ovviamente più tempo e modo di esplorare New York, ma viene assicurata la partecipazione alle sedute del Palazzo di Vetro in apertura e chiusura come rappresentanti semplici Rotaract.

Caratteristiche comuni ad entrambe le condizioni sono sicuramente l’unicità della Grande Mela come set del viaggio e le infinite vie di socializzazione, sia nel gruppo di lavoro assegnato per i Delegati, come in quello, più grande con il quale immergersi nella frenesia di una città come New York.

Abbiamo notato infatti che come Rotaract, il viaggio permette di creare o rafforzare legami e avvicinare più facilmente i soci attraverso la condivisione di esperienze e ricordi in grado di esaltare i concetti di Fellowship e partecipazione attiva una volta rientrati e reinseriti nel contesto associativo di origine. Personalmente, come “veterano” del Progetto, tanto da parteciparvi più volte, posso certificare come il CWMUN possa rappresentare un’esperienza formativa e di crescita estremamente variegata, a tal punto da tornare inevitabilmente diversi da come si era partiti. Magari si torna solo con più foto nella galleria del telefono, con la valigia più pesante, con quei souvenir che tanto “piacere” porteranno ai propri parenti, ma qualche volta, se capita e quando capita, si torna con un amico che d’ora in poi non ti lascerà più, si torna con un amore nato tra una simulazione e l’altra, si torna consapevoli che un viaggio, quando è vissuto a pieno, può DAVVERO cambiarci la vita.

Riferimenti puramente non casuali.

“Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che fanno le persone.”

John Steinbeck

Distretto Rotaract 2090